Associazione Sportiva Dilettantistica

Obiettivi & Partnership

Il lavoro degli allenatori e organizzatori della M.R. Sport ha un obiettivo primario: sostenere gli atleti che ne fanno parte e far sì che alcuni tra loro possano arrivare a un livello competitivo adeguato, tale da poter entrare in un corpo militare e garantire così loro la serenità di potersi allenare. Gli allenatori prestano peraltro a titolo gratuito il proprio lavoro.

La società svolge parte della sua attività sportiva in partnership con la S.S. Lazio Nuoto: insieme, costituiscono la più grande "scuola di tuffi" in Italia, nonché quella con il maggior numero di atleti facenti parte della nazionale italiana.


Dal 2010 la società collabora stabilmente con Niccolo Campo Onlus – Associazione di beneficenza e con l'ex pilota di Formula 1 Alex Zanardi al progetto Bimbingamba a favore dei bambini che hanno subito mutilazioni.

M.R. Sport ha istituito la più importante gara internazionale juniores tra società del calendario italiano, il Trofeo Internazionale di Tuffi Niccolò Campo. A questa gara la società ha voluto attribuire, oltre allo scopo sportivo, anche uno scopo sociale, dedicandolo già dal nome a una importante associazione di beneficienza che si occupa di bambini con gravi disabilità. Nel 2013 il Trofeo arriva alla sua terza edizione, dove è prevista anche la prima prova di Tuffi Adapted riservata ai giovani che partecipano ai corsi per disabili.

Nel 2010 la società ha avviato un protocollo sperimentale in collaborazione con l'ANPET (Associazione Nazionale Pet E Terapia) e "L'emozione non ha voce" per l'inserimento graduale di bambini autistici nelle attività di piscina, sia come atleti essi stessi, sia coinvolgendoli nelle attività agonistiche degli altri bambini, affidando loro piccoli incarichi logistici e di assistenza. Il corso di tuffi sta impegnando un certo numero di bambini che rientrano nell'ampio quadro clinico dell'autismo e dello spettro autistico.
Grazie ai riconoscimenti anche scientifici ricevuti per questa attività M.R. Sport e ANPET hanno avviato il percorso di riconoscimento dello sport dei Tuffi tra le discipline sportive delle Paralimpiadi, al fine di poter partecipare, almeno come sport osservatore, alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016.
Il corso per i bambini autistici è completamente gratuito.